La corretta distribuzione degli alimenti

Risultati immagini per quadro alimenti

Ecco come “mettere insieme” le porzioni (di cui abbiamo parlato qui).

Nella prima tabella ci sono i cibi da mangiare ogni giorno

Nella seconda le frequenze settimanali dei secondi piatti

Come si vede, all’aumentare del fabbisogno calorico, aumentano anche e sopratutto le porzioni di alimenti energetici (pane, pasta, condimenti).

Non quelle di alimenti proteici (secondi piatti)

Condividi...

4 risposte a “La corretta distribuzione degli alimenti”

  1. Caro Gabriele,
    Ho fatto un po’ di conti e mi sono chiesta: come mai nella tabella si prevedono solo 1-2 patate a settimana?
    Si tratta di una riduzione dovuta alle quantità di amido presenti (e quindi al conteggio totale dei carboidrati) o c’è qualche altro motivo per cui non bisogna esagerare con le patate?
    Grazie!

    1. Precisazione: non una o due patate, ma una o due porzioni di patate da 200g ciascuna. A parte questo, il motivo risiede nel fatto che le patate hanno un amido che comporta un innalzamento veloce della glicemia per cui l’indicazione va intesa come “moderate la quantità di patate consumate nella settimana” . in effetti una porzione di patate corrisponde a circa 50g di pane. Se si ha l’accortezza di fare questa valutazione ci si può concede qualche patata in più riducendo il pane😊. Sempre accompagnate nel pasto da verdura e frutta per smorzare l’effetto sulla glicemia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.