Le emozioni caloriche di Marco Bianchi

Ci sono quelle giornate sfigate in cui ti capita di imbatterti in trasmissioni televisive che mai avresti voluto vedere. Oggi è una di queste giornate.

Il caro Bianchi, il cuoco del Cheshire che fa tendenza e che vorrebbe fare anche informazione nutrizionale, ha inaugurato un nuovo programmino tv su una nota rete dove si parla solo di ricette e cibo (che non vi dirò mai, ma che troverete in fretta, lo so). Si chiama “La mia Cucina delle Emozioni” ed è solo un contenitore di ricette riviste secondo il suo approccio salutistico che consiste semplicemente nel dire, nell’ordine:

1. che le farine integrali fanno bene, quelle raffinate no
2 che gli zuccheri fanno male, ma quelli che stanno dentro l’uvetta no
3. che il cibo x fa bene a y perchè contiene il nutriente z
4. che le calorie non contano se vengono da alimenti buoni (buoni per lui)
5. poco altro (e sempre comunque sbagliato)

Bene, mi sono imbattuto in questa ricettina da lui definita “leggera”

Per 1 persona:

80g di pasta (integrale ovviamente, perchè fa bene alla glicemia)
45g di noci (chè ci sono gli omega3 e gli omega6 e fanno bene al colesterolo)
15g di olio (extra vergine di oliva, of course)
50ml di latte di mandorla (perchè vegetale e quindi meglio)

Il piattino che ne viene fuori, leggero (!), ricco di fibre, grassi buoni e micronutrienti fantasmagorici ha circa 760 calorie……

Ma è leggero e ci sono gli omega3.

A Marco Bià, ma vaffannoce!

p.s. sia chiaro il piatto va benissimo, ma deve essere contestualizzato. Per un fabbisogno di circa 2400calorie (considerando che ci manca la verdura e la frutta per completare il pasto) è perfetto. Ma questo nessuno lo dice mai.

Condividi...

2 risposte a “Le emozioni caloriche di Marco Bianchi”

  1. Secondo me oltre che “leggero” deve fare anche abbastanza schifino, come si legano pasta, olio e noci? con il liquidissimo latte di mandorla?! non credo proprio.
    Queste trasmissioni dovrebbero sempre iniziare e finire con un parental advisory “VI STIAMO PRENDENDO PER IL CULO”.

    Un saluto Gabriele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.