Legumi ed equivoci

Sui legumi ci sono un po’ di equivoci.
In Italia ne mangiamo pochissimi e dovremmo aumentarne il consumo, ma questi semi non godono di buona reputazione.

1. Prima di tutto ribadiamo che non sono un contorno, ma vanno mangiati al posto della carne e dei salumi. Hanno tutta la dignità di un secondo piatto.

Ci strafoghiamo di salumi e non pensiamo mai ai legumi….

2. Non sono calorici. Molti pensano che “facciano ingrassare” e li evitano. I legumi pronti al consumo hanno in media 80 calorie per etto. I ceci sono quelli un po’ più “grassi” e raggiungono le 120 circa. Perciò sono addirittura ipocalorici.

Ci strafoghiamo di salumi e pensiamo alle calorie dei legumi….

3. I legumi in scatola contengono un po’ di sale ma non per questo vanno evitati. Sì sciacquano e si mangiano.

Ci strafoghiamo di salumi e pensiamo al sale nei legumi….

4. Mangiandoli coi cereali e formando un piatto unico (pasta e fagioli, riso e piselli, pasta e ceci) non si mangiano “troppi carboidrati”. Altro mito. Non c’è scritto da nessuna parte che se un pasto è un po’ più ricco di carboidrati il nostro destino è segnato.

Ci strafoghiamo di salumi e pensiamo ai troppi carboidrati nei legumi….

5. Non “gonfiano”. Non necessariamente almeno. E spesso non è colpa loro. La colpa è nostra che mangiamo male e abbiamo una flora batterica che ci schifa così tanto da non riuscire più ad accettare nemmeno due fagioli.

Ci strafoghiamo di salumi e pensiamo al gas dei legumi….

6. Non è vero che non sono pratici. Sono praticissimi. In scatola si conservano a lungo e possono essere aggiunti a qualsiasi preparazione. Si possono mangiare come primo piatto aggiungendoli ai cereali, come secondo assieme al pane, messi in una insalata e addirittura come spuntino pomeridiano.

Ci strafoghiamo di salumi e pensiamo alla poca praticità dei legumi….

Mangiateli questi legumi che vi fa bene.

Condividi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.