L’obesità infantile

Vedo un florilegio di ricette della nonna, genuine, fatte in casa, dall’orto alla tavola. Le mamme influencer pubblicano preparazioni sfavillanti, buone, pulite, sane e giuste per i loro bambini e i bambini delle loro follower. Le dietiste in carriera consigliano di allontanarsi dai prodotti industriali: “Vade retro merendina! solo roba genuina per i nostri figli!”. I nutrizionisti moderni suggeriscono prodotti “naturali” e non contaminati dalla brutta chimica e ci propongono spuntini trendy per i nostri pargoletti, spuntini che ci vuole mezz’ora per preparare e lunghi viaggi verso negozietti di prodotti Bio-natural, per una merenda “senza”: senza lattosio, senza glutine, senza uova e senza mezzo stipendio, tanto costano gli ingredienti.
 
E vedo un bambino su tre sovrappeso (21,3%) o obeso (9,3).
Vedo che in Campania gli obesi arrivano al 17,9%! e i sovrappeso al 26,2%. E non va meglio nelle altre regioni del Sud.
Si, le cose sono un pochino migliorate rispetto a 10 anni fa, ma è una magra consolazione perchè l’Italia è ancora ai primi posti in Europa in questa gara al contrario, in cui chi vince, perde. Perde in salute e perde anni di vita futura.
 
Vedo che più del 40% dei bambini fa una colazione inadeguata o la salta del tutto e più della metà fa uno “spuntino” a metà mattina che nemmeno Obelix quando era in forma.
Vedo che il 20% dei bambini non mangia frutta e verdura ogni giorno e vedo circa 4 genitori su 10 dichiarare che i loro figli bevono bevande zuccherate quotidianamente.
Sono gli stessi genitori di bambini sovrappeso o obesi che dichiarano nel 38% dei casi di “vedere” il loro figlio sotto o normopeso! Solo il 30% dichiara che il loro figlio mangia troppo, gli altri pensano mangi il giusto.
E per finire vedo bambini sedentari. Solo 1 su 4 va a scuola a piedi o in bicicletta, però, eh caspita!, il 44% ha la TV in camera e il 41% sta più di 2 ore davanti a uno schermo per giocare ai videogiochi!
 
E vedo che tutto ciò ha conseguenze: più del 30% dei bambini obesi ha già trigliceridi e colesterolo elevati e ha i primi segni di steatosi epatica (fegato grasso). Il 5% ha la glicemia elevata e un problema col metabolismo degli zuccheri (prediabete) e il 10% ha valori di pressione arteriosa fuori norma.
 
Più o meno il 50% dei ragazzi obesi diventerà un adulto obeso, con tutte le conseguenze del caso.
 
Vedo un sacco di cose, vedo numeri enormi e vedo anche che di tutto questo non si parla. Anzi, Youtube è invaso di video di ragazzi che si abbuffano e fanno tendenza. Vengono seguiti da centinaia di migliaia di follower che sono coloro che seguono anche le influencer di instagram che parlano di dimagrimento localizzato, di bacche di goji e di diete superveloci.
Vedo che la scuola e le istituzioni non esistono, che i media si occupano di altro e che c’è poco da fare.
 
 
Riferimenti
 
http://www.epicentro.iss.it/okkioallasalute/dati2016.asp
 
https://www.sip.it/2017/12/18/obesita-infantile-quello-devi-sapere/
 
https://www.sip.it/2017/12/04/decalogo-anti-obesita-dal-concepimento-lintera-vita/
Condividi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.