Mito: “durante la stagione fredda possiamo mangiare di più”

Ciò che è vero in teoria non sempre lo è in pratica.

Non è automatico applicare i principi teorici generali della chimica, della fisica o della biologia alla vita di tutti i giorni.

L’affermazione che in inverno possiamo mangiare di più, dato che bruciamo più calorie a causa del freddo è un esempio classico.

La verità

L’esposizione al freddo induce negli animali omeotermi quella che si chiama termogenesi indotta dal freddo o TIF.

Esistono due tipi di tif:

  1. Tif non da brivido
  2. Tif da brivido

Della prima abbiamo parlato qui. È coinvolto il grasso bruno e vari meccanismi regolatori che comportano un aumento della produzione di calore. È il modo principale con cui gli animali si difendono dal freddo.

Per quanto riguarda la tif da brivido, l’aumento della produzione di calore e della spesa energetica (che ci permetterebbe di mangiare di più) sono indotti dalla contrazione muscolare ritmica del muscolo scheletrico. Questo meccanismo subentra in seguito alla tif non da brivido, ma può indurre un aumento della produzione di calore anche di 6-8 volte rispetto al muscolo a riposo.

Il buon senso 

Gli esseri umani mettono in atto la termoregolazione comportamentale o volontaria, cioè….cambiano i vestiti e modificano il loro ambiente in maniera tale da non esporsi al freddo

In pratica si coprono e accendono i termosifoni. 😊

Ergo, non c’è nessuna tif significativa, né “da brivido” né “non da brivido”. 

Messaggio da portare a casa: non mangiate di più in inverno che già vi muovete poco proprio perche è inverno e piove e state in casa o in ufficio AL CALDO. Non mangiate di più che poi ingrassate e chi vi sente con la prova costume poi! 😉

Condividi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *