“La serva….serve!”

Voi siete piccoli e non rammentate le battute del signore che è rappresentato nella home page di questo sito, ma il Principe de Curtis, alias Totò, era saggio (e condiva la sua saggezza coi dei bei doppi sensi, ammettiamolo): ogni cosa ha la sua funzione e la sua utilità.

Parafrasando, potremmo dire: “il glutine…serve!”; “Il burro…serve!”; “Lo zucchero bianco…serve!”; “La farina raffinata…serve!”.

La bella crostatina in foto, che sta quasi collassando su sé stessa e che, se non crolla da sola, si disintegrerà tra le dita appena presa in mano (per tacer del gusto) sente tanto la mancanza di farina 00, glutine, burro e zucchero bianco, ma il prode cuoco nutrizionista che si inventa ogni giorno queste gustose ricettine non lo sa e continua a sfornarle, illudendo frotte di casalinghe desiderose di dimagrire, che questi dolci siano più sani solo perché fatti in questo modo.

Beh sappiate che le ricette costruite così non sono più sane e che io, personalmente, questa crostatina la darei volentieri al sorcio!

(e così abbiamo citato anche Albertone)

Condividi...

La Scienza del Cargo Cult


“Nei mari del Sud vive un popolo che pratica il “culto dei cargo”.

Durante la guerra hanno visto atterrare aerei carichi di ogni ben di Dio ed ora vorrebbero che la cosa accadesse di nuovo. 
Hanno tracciato sul terreno delle specie di piste; accendono fuochi ai loro lati. 
Hanno costruito una capanna di legno in cui si siede un uomo con due pezzi di legno al posto delle cuffie e da cui sporgono dei bambù come antenne radio (l’uomo rappresenta il controllore di volo) ed aspettano che gli aerei atterrino. 
Fanno tutto correttamente. La forma è perfetta. Rispetta esattamente quella originale. 
Ma la cosa non funziona. Non atterra nessun aereo”

http://calteches.library.caltech.edu/51/2/CargoCult.htm


Così Richard Feynman, uno dei maggiori fisici del secolo scorso, descrive quella che chiama la “Scienza del Culto del Cargo” in occasione dell’apertura dell’Anno Accademico 1974-75 al Caltech di Pasadena.

E’ tutto perfetto, ma gli aerei non atterrano. La forma scientifica è rispettata, ma manca quello che Feynman chiama INTEGRITA’.

Chiamiamola onestà intellettuale, completezza dell’informazione. A me viene anche l’espressione “visione di insieme”. Infatti non sempre la scienza manca di integrità morale, ma a volte è troppo concentrata su sè stessa e perde lo “sguardo dall’alto”, anche quando agisce in buona fede (perchè, si, a volte la buona fede non c’è). A volte perde semplicemente il buon senso. E a volte diventa banalmente pseudoscienza. Questo è particolarmente vero nel campo medico e quando parliamo di nutrizione.

In pratica il medico/nutrizionista/… non deve soltanto presentare al paziente/cittadino i risultati che gli studi scientifici trovano, ma deve anche mostrare i dettagli che possono mettere in dubbio i risultati stessi e, aggiungo io, contestualizzarli inserendoli nella visione di insieme e nelle vita reale.

Poco importa se un lavoro scientifico dimostra che un nuovo farmaco è in grado di ridurre il rischio di ictus, se lo riduce in modo tale che non si differenzia dal vecchio farmaco sulla base delle EVIDENZE CLINICHE! Se si dimostra una “verità” scientifica che non ha riscontro nella pratica, a che serve?

Esempio1: il vino rosso migliora il rischio cardiovascolare. Vero, ma se quella stessa quantità di vino rosso che protegge il cuore e i vasi (peraltro in una ristretta popolazione di individui) aumenta drammaticamente il rischio di un sacco di tumori, dovremmo essere indotti a bere? Questa seconda informazione va fornita! (https://www.wcrf.org/dietandcancer/exposures/alcoholic-drinks)

Esempio2: se il test dice che sei intollerante al lattosio, devi eliminare il latte dalla tua dieta. No, dobbiamo spiegare che esistono evidenze che dimostrano come la maggioranza degli intolleranti tollerano benissimo piccole quantità di lattosio SENZA avere sintomi, quindi perchè complicarci la vita inutilmente quando non è necessario? (https://efsa.onlinelibrary.wiley.com/doi/epdf/10.2903/j.efsa.2010.1777)

Esempio3: il cioccolato contiene antiossidanti preziosi e dovremmo consumarlo ogni giorno perchè fa bene al cuore. Se non spieghiamo che il cioccolato contiene anche 600 calorie per etto, una vagonata di grassi saturi e zucchero e che gli antiossidanti, ammesso che servano a qualcosa, si trovano in ben altri alimenti (frutta e verdura in primis), abbiamo perso la visione di insieme e forniamo una informazione distorta alle persone (http://www.gabrielebernardini.it/cioccolato-delle-mie-brame/)

Esempio4: le lectine presenti nei cereali sono tossiche e quindi non dovremmo mangiare pane e pasta (vedi dieta paleo), sopratutto integrali. Vogliamo dirlo che le lectine vengono distrutte dal calore? e che noi non mangiamo la pastasciutta cruda? (http://www.gabrielebernardini.it/le-vie-di-mezzo-lectine-e-terrorismo/)

Esempio5: i pesticidi sono cancerogeni e dovremmo consumare solo vegetali BIO! il principio di integrità vorrebbe che le cose si spiegassero nei dettagli, mettendo a confronto i rischi e i benefici e facendo capire alle persone che è la dose a fare il veleno e che tutta la frutta e la verdura che noi mangiamo è sicura e che sarebbe molto più rischioso vivere in un mondo privo di agrofarmaci (http://www.gabrielebernardini.it/piccola-guida-alla-paura-dei-pesticidi/). Perchè sennò a che serve?

Esempio6: “Dottore ho la pancia gonfia!!” – “Togli il glutine!!”, va vaff…!!!

I professionisti della salute devono imparare a fornire informazioni di PROVATA EFFICACIA, facilitando la vita delle persone (e magari evitando loro di spendere un sacco di denaro inutilmente). Devono riacquistare il dono del BUON SENSO e imparare ad avere quella VISIONE DI INSIEME che oggi così tanto manca in alcune discipline scientifiche, prima fra tutte la scienza dell’alimentazione!

Condividi...