Breaking news!

L’Aifa (Agenzia Italiana della Frutta) ha proibito il consumo di frutti con nocciolo (pesche, noci pesche, ciliegie, albicocche e susine) negli adulti al di sotto dei 30 anni a seguito del soffocamento di una giovane donna avvenuto nei giorni scorsi.

La ragazza pare avesse problemi di respirazione a causa di una malattia ancora da definire e non è certo che sia stato il nocciolo della pesca che stava mangiando a provocare il decesso, ma l’Aifa ha preso comunque questa decisione per motivi precauzionali.

Le pesche e tutta la frutta in generale sono alimenti considerati sicuri sulla base di centinaia di prove scientifiche. Non solo: sono alimenti protettivi e preventivi per numerosi stati patologici anche gravi come infarto, ictus, tumori, diabete, ecc.

È noto ovviamente il loro potenziale allergenico (che si può tenere sotto controllo) e il fatto che ci può essere un rischio legato al soffocamento (abbastanza raro), ma ciò non cambia il giudizio generale sulla loro sicurezza e sopratutto sul loro potenziale salutistico.

Ciononostante, la decisione presa sembra irrevocabile.

Per la comunità scientifica questo ha tutto l’aspetto di un paradosso molto pericoloso: la riduzione del consumo di frutta comporterà infatti il rischio, secondo gli scienziati, di innumerevoli più morti e malattie come già ampiamente dimostrato dai dati della frutto-vigilanza accumulati negli anni.I dati epidemiologici ci dicono infatti che il basso consumo di frutta provoca già ogni anno in Italia più di 3000 decessi per malattie cardiovascolari e circa 750 morti per tumore senza contare la perdita di anni di vita in salute (circa 12.000 anni perduti in totale nel nostro paese)*.

Questa proibizione potrebbe portare ad un ulteriore aggravamento di una situazione già precaria a cui potremmo assistere in futuro.

Tutto ciò a fronte di rarissimi casi di soffocamento dovuto ai noccioli.

Per molti evidentemente i 3750 morti all’anno (che potrebbero drasticamente aumentare) non hanno un volto, una famiglia e una vita degna di essere vissuta.

Restate collegati per ulteriori aggiornamenti.*

Fonte: IHME Institute for Health Metrics and Evaluation (https://vizhub.healthdata.org/gbd-compare/)

https://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2021/06/11/astrazeneca-i-pareri-di-di-aifa-e-cts-a-partire-da-gennaio_807ef485-6907-407e-b3b2-390688826e46.html

Condividi...
Pubblicato
Etichettato come Covid-19

Di Dott. Gabriele Bernardini

Biologo, nutrizionista, toscano

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.