Ithalia, 7321 DT (Dopo Topolino)

La pandemia di obesità continua a mietere vittime in tutto il mondo.

Oltre a incentivare comportamenti virtuosi per limitare il rischio di sovrappeso nella popolazione (campagne di informazione alimentare, mantenere una adeguata distanza dal cibo e indossare una mascherina per non infilarsi in bocca la qualunque in ogni momento), il governo ithaliano ha deciso di istitutire il cosiddetto “Lean Pass”.Potranno accedere ai ristoranti, alle pasticcerie, gastronomie, norcinerie, tavole calde e fredde, bancarelle di strada e bar SOLO i normopeso.

Questo per limitare l’accesso al cibo nei luoghi più a rischio e cercare di mitigare gli effetti della pandemia.

Chi non volesse diventare normopeso, ne mantiene il diritto, ma per accedere a questi luoghi deve perlomeno presentare una certificazione di una settimana di dieta. In tal caso avrà possibilità di entrare nei luoghi di ristorazione anche da sovrappeso, ma con un deficit ponderale di circa mezzo chilo. In tal modo, anche mangiando in eccesso, al massimo tornerà alla condizione precedente senza produrre danno a sé e alla comunità in termini di costi sanitari.

Questo provvedimento ha scatenato grave scandalo nella popolazione e in particolare modo in un gruppo di intellettuali, professori universitari (tra questi il famoso storico della produzione vitivinicola e divulgatore Alessandro Barbera) che hanno firmato un documento in cui considerano il Lean Pass una fonte di discriminazione, lesiva delle libertà fondamentali dell’uomo, auspicando preferibilmente l’obbligo di dimagrimento generale esteso a tutta la popolazione.

In parole povere: preferiscono che tutti i cittadini ithaliani siano obbligati, con legge dello Stato, a rientrare nella condizione di normopeso anziché adottare la forma più soft del Lean Pass.

Questa presa di posizione ha lasciato perplessi molti commentatori e studiosi di Diritto, ma i professori, per nulla scalfiti, hanno ribadito e sancito la loro convinzione alzando i calici al cielo e bevendo tutti assieme un buon bicchiere di Barolo.

Italia 7321 DT (Dopo Topolino)

Condividi...

Di Dott. Gabriele Bernardini

Biologo, nutrizionista, toscano

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.