Categorie
Alimentazione e salute Alimenti

Legumi ed equivoci

Sui legumi ci sono un po’ di equivoci.
In Italia ne mangiamo pochissimi e dovremmo aumentarne il consumo, ma questi semi non godono di buona reputazione.

1. Prima di tutto ribadiamo che non sono un contorno, ma vanno mangiati al posto della carne e dei salumi. Hanno tutta la dignità di un secondo piatto.

Ci strafoghiamo di salumi e non pensiamo mai ai legumi….

2. Non sono calorici. Molti pensano che “facciano ingrassare” e li evitano. I legumi pronti al consumo hanno in media 80 calorie per etto. I ceci sono quelli un po’ più “grassi” e raggiungono le 120 circa. Perciò sono addirittura ipocalorici.

Ci strafoghiamo di salumi e pensiamo alle calorie dei legumi….

3. I legumi in scatola contengono un po’ di sale ma non per questo vanno evitati. Sì sciacquano e si mangiano.

Ci strafoghiamo di salumi e pensiamo al sale nei legumi….

4. Mangiandoli coi cereali e formando un piatto unico (pasta e fagioli, riso e piselli, pasta e ceci) non si mangiano “troppi carboidrati”. Altro mito. Non c’è scritto da nessuna parte che se un pasto è un po’ più ricco di carboidrati il nostro destino è segnato.

Ma se vogliamo fare due conti, ecco qua….

Una porzione di legumi da 150g (pronti al consumo, per esempio in scatola, scolati) contiene in media 20g di carboidrati (e 10g di proteine, come mezz’etto di carne). Questi sono i carboidrati di una trentina di grammi di pane.
Non si può dire che siano un “sacco” di carboidrati se contiamo che dovremmo introdurre il 50% dell’energia quotidiana da questi nutrienti (stando bassi).

Tradotto in numeri, per una dieta da 1500 calorie (che si può considerare “dimagrante”, notate che mi sto tenendo basso su tutto), sono 187g di carboidrati nella giornata di cui 20 da legumi (il 10,6 %)….direi che ce la possiamo fare tranquillamente a farceli stare. Quindi no, non sono troppi carboidrati.

Inoltre c’è da dire che il consiglio è di introdurre legumi 3 o 4 volte a settimana (certo, se aumentano non si offende nessuno) su 14 secondi piatti (7 a pranzo e 7 a cena).
Quindi anche se fosse che in quei giorni mangiassimo il 53% di carboidrati invece del 50… E beh pazienza (anzi, magari!).

Teniamo conto anche che i legumi si portano dietro anche un bel quantitativo di fibra, che mangiamo sempre troppo poco.

Direi che vincono su qualsiasi obiezione si possa fare: i legumi quindi sostituiscono egregiamente una porzione di carne (diciamo che sono carne con un pezzettino di pane accanto).

Ma gonfiano…ah ok

Ci strafoghiamo di salumi e pensiamo ai troppi carboidrati nei legumi….

5. Non “gonfiano”. Non necessariamente almeno. E spesso non è colpa loro. La colpa è nostra che mangiamo male e abbiamo una flora batterica che ci schifa così tanto da non riuscire più ad accettare nemmeno due fagioli.

Ci strafoghiamo di salumi e pensiamo al gas dei legumi….

6. Non è vero che non sono pratici. Sono praticissimi. In scatola si conservano a lungo e possono essere aggiunti a qualsiasi preparazione. Si possono mangiare come primo piatto aggiungendoli ai cereali, come secondo assieme al pane, messi in una insalata e addirittura come spuntino pomeridiano.

Ci strafoghiamo di salumi e pensiamo alla poca praticità dei legumi….

Mangiateli questi legumi che vi fa bene.

Condividi...

Di Dott. Gabriele Bernardini

Biologo, nutrizionista, toscano

3 risposte su “Legumi ed equivoci”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.