Categorie
Senza categoria

Stelle e Elfi. Sole e Draghi. Pane e Hobbit. Foreste e Ent.

La crisi climatica che stiamo affrontando non si risolverà (se mai accadrà) solo col contributo della scienza.

C’è la necessità di un reincanto in un mondo disincantato. E le fiabe, il mito e l’immaginazione possono aprire i nostri occhi, forse più della letteratura realista:

“è stato nelle fiabe che, per la prima volta, ho scoperto la potenza delle parole e la meraviglia delle cose come la pietra, il legno, il ferro, la casa e il fuoco, il pane e il vino” (Tolkien, Sulle Fiabe).

C’è bisogno di una visione. Una modalità emotiva di risveglio che coinvolga tutti, che parta dal basso e che faccia sentire, percepire, immaginare il futuro, la crisi e la sua possibile soluzione. I numeri, i dati, i grafici non bastano se vogliamo che un nuovo incanto coinvolga anche chi adesso ha perduto la speranza.

Il Signore degli Anelli è la grande storia di un viaggio, il viaggio di un piccolo hobbit e dei suoi compagni per proteggere il loro mondo da un male che appare enorme, ma anche lontano nel tempo e nello spazio. È la battaglia per salvare ciò che più amano: la terra e la vita semplice, l’amicizia e l’amore per le piccole cose. Frodo ha sacrificato parte di sé per un bene superiore ed è ciò che ognuno di noi e tutta l’umanità oggi è chiamata a fare per salvare la terra dalla disgregazione.



“Altri mali potranno sopraggiungere, perché Sauron stesso non è che un servo o un emissario. Ma non tocca a noi dominare tutte le maree del mondo; il nostro compito è di fare il possibile per la salvezza degli anni nei quali viviamo, sradicando il male dai campi che conosciamo, al fine di lasciare a coloro che verranno dopo terra sana e pulita da coltivare. Ma il tempo che avranno non dipende da noi” (Il Signore degli Anelli)

Condividi...

Di Dott. Gabriele Bernardini

Biologo, nutrizionista, toscano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.