I vestiti nuovi dell’imperatore

Ci hanno raccontato che dovremmo mangiare pane raffermo, raffreddare le patate (e mangiarle fredde), sciacquare la pasta e i cereali (e mangiarli freddi) prima di servirli, perchè questa operazione, producendo amido retrogradato, ne ridurrebbe le calorie e ne abbasserebbe l’indice glicemico.

Era un racconto appunto, una bella favola a cui vogliono credere in molti, perchè sperano di averne dei vantaggi e perchè non desiderano mettere in dubbio le parole dell’autorità e forse anche perchè non vogliono sentirsi degli stupidi davanti agli altri, che come loro, ci credono.

Come quei cortigiani che elogiano i vestiti nuovi dell’Imperatore, quei broccati fatti con seta che non c’è e con tessuti mai filati, ma che non trovano la forza e il modo di dire a tutti che quegli abiti, semplicemente…non ci sono.

E poi arriva il bambino tra la folla, quella voce che si alza e spazza via le altre, che taglia via le parole elogianti e servili come un rasoio (di Occam) e dà la spiegazione più semplice: l’imperatore è soltanto nudo.

Nella fiaba è tutto molto bello: la voce del bambino (che è quella della scienza) risveglia le coscienze e smaschera la truffa, ma le fiabe son fiabe e nella realtà non avviene questo.

Spesso ci raccontano storie così e spesso ci cadiamo perchè siamo esseri umani e a noi piacciono le storie. E se qualcuno ci viene a spiegare e ci dimostra che la vita reale è differente, diventiamo reticenti e a volte aggressivi perchè cambiare vorrebbe dire mettere in dubbio la nostra visione del mondo.

Però, ogni tanto, potremmo provare a dare una chance al bambino e mettere in dubbio ciò che ci viene raccontato, anche se chi chi parla sembra avere l’autorità per farlo.

Un pizzico di dubbio e un po’ di buonsenso non fanno mai male.


(sono partito con l’intenzione di scrivere un post sulle fibre alimentari, pensate come sto messo)

Condividi...

Di Dott. Gabriele Bernardini

Biologo, nutrizionista, toscano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.