Seppie con piselli

E’ grave? ho messo insieme due secondi piatti e ho pure accostato “proteine diverse”.

Ci sarà pericolo?

Ci ho pure mangiato il pane assieme. E broccoli di contorno. E la frutta per finire. Ah la frutta era una mela. Cotta.

Saranno troppi carbo? I macros saranno sbilanciati? Il mio meal è sbagliato?? Con la cottura della mela avrò perso dei FITocomposti importanti? (se voglio anche io posso parlare come un Fit, segnatevelo).

1. Benché i piselli siano da usare normalmente come un secondo, nessuno ci vieta di fare come ci pare perché mangiare non è una equazione matematica. Stare troppo attenti alla precisione in queste cose allontana dal senso che deve avere l’alimentazione sana, cioè quello di essere un atto semplice e fonte di PIACERE.
D’altro canto, oggi non si può prescindere dal ragionarci un po’ su perché altrimenti il tutto ci sfugge di mano e dal piacere è un passo arrivare alla malattia. E allora non va bene neppure dire “fai ciò che ti dice il tuo corpo”. Bisogna mediare.

2. Non sono troppi carboidrati. Domanda frequente: “i legumi assieme ai cereali non li mangio perchè poi sono troppi carboidrati”.
In questo pasto ci sono 70g di carboidrati. Per un fabbisogno di 2000kcal c’è posto per 275g (se contiamo un 55% di carboidrati nella giornata). Sono pure pochini. Dovrò darmi da fare da qui a stasera. E comunque sticaxxi, a prescindere.

3. Il pasto contiene 35g di proteine. Per me che sono mediamente sedentario ne bastano 75-80g al giorno. Ne ho quindi mangiate il 45% circa. E vanno bene tutte! Anche quel grammo scarso che c’è nella mela.

4. Dei FITocomposti me ne frego abbastanza. Perché non ci sono prove che gli antiossidanti siano utili alla nostra salute (ma li ho presi lo stesso tranquilli). La frutta come regola generale è comunque giusto mangiarla cruda, ma non è questo il giorno. Quel che conta davvero è la fibra e la sazietà. E ce n’è tanta, sia dell’una che dell’altra, nel mio pasto.

5. Il mio pranzo è molto ben bilanciato anche se…non è bilanciato. Non sto certo a vedere se i nutrienti sono bilanciati *all’interno* del pasto ma semmai nell’intera giornata (ma pure settimana). Ma non col bilancino, senza far conti, avendo in testa soltanto il modello meditarraneo e grossomodo le porzioni adatte a me.

6. Come dite? Il dolce. Eh no il dolce no. Neppure il budino di cachi.

Condividi...

Di Dott. Gabriele Bernardini

Biologo, nutrizionista, toscano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.