Categorie
Alimentazione e salute Alimenti Miti e bufale

Yogurt magri? Al sorcio!

Perché scegliete gli yogurt magri?
Me lo dite? Eh? Me lo dite?

Che vi ha fatto lo yogurt da latte intero?

Volete la roba naturale e poi scegliete gli yogurt scremati. Perché?

Voi togliete il grasso dal salame?
Eliminate la marezzatura della carne?
Delipidizzate le noci?
Sgrassate i formaggi?
Annullate l’olio?

Mi direte che gli yogurt magri esistono e quindi avranno un loro motivo di essere.

Beh in commercio esistono anche le uova sode già confezionate e pronte, esistono gli affettati vegetali, le acque detox e il gelato alla cipolla, azzo!

Non tutto ciò che esiste ha senso! Italiani!

Seriamente, 3 porzioni di latte o yogurt interi apportano 7,5g di grassi saturi, il 34% di quelli permessi in una alimentazione da 2000Kcal cioè 22g

Facendo due conti, ecco i saturi in una giornata alimentare tipica:

40g di prodotti da forno (biscotti per esempio): 4g circa

375 ml di yogurt o latte intero: 7,5g

30g di olio di oliva: 4,5g (eh si l’olio evo ha grassi saturi, sorpresa)

150 di orata: 3g

150g di lenticchie: trascurabili

Cereali, frutta, verdura: tutto trascurabile.

Totale: 20g circa

Ovvio che se invece di pesce e legumi inseriamo altri dolci, carni grasse, salumi e formaggi superiamo il limite, ma sono appunto questi alimenti che dobbiamo limitare anche per altri motivi, mentre latte e yogurt sono importanti e molto più buoni e sazianti quando sono interi.

Conclusione: usare prodotti scremati non ha senso per nessuno (se non in casi di ipercolesterolemia grave, ma pure questa eventualità è rara).

Condividi...

Di Dott. Gabriele Bernardini

Biologo, nutrizionista, toscano

7 risposte su “Yogurt magri? Al sorcio!”

Dottore, buongiorno.
Gradirei sapere se, a Suo giudizio, è possibile alternare il latte vaccino con una bevanda vegetale, ad esempio, a base di avena.
Sono curiosa di sapere, inoltre, se è possibile utilizzare lo yogurt come secondo piatto.
Un saluto

Beh puoi fare ciò che vuoi e non credo che avrai ripercussioni sulla salute se mangi bene per il resto.
Però sarebbe interessante capire il perché vorresti farlo.

Lo yogurt non è prettamente un secondo piatto ma anche qui, saltuariamente puoi farlo. Ma mi riesce difficile capire cos’altro mangeresti in quel pasto

Dottore,
La ringrazio per i celeri riscontri!
Allenata … al modello mediterraneo sin da piccola, in quanto praticato in famiglia, ho avuto sempre una spiccata simpatia per la pasta, che spesso mangio come piatto unico abbinata alle verdure e accompagnata da un contorno.
Grazie a Lei ho scoperto che la frutta può essere tranquillamente mangiata a pranzo, dunque l’ho spostata dallo spuntino pomeridiano in cui era tradizionalmente collocata.
Visto che andiamo incontro alla primavera, e poi all’estate, mi piacerebbe gustare lo yogurt a fine pasto, ossia dopo la frutta, come se fosse un dessert.
Un’idea che mi è venuta leggendo la Sua “combinazione delle tessere”, laddove prevede -ad esempio- un primo a base di orzo e verdure seguito da un’insalata con le noci.
Dopo aver provato a sostituire l’orzo con la pasta (70g) e dopo aver gustato l’insalata di cui sopra e, a seguire, una bella mela golden, mi sono detta che -probabilmente- con un pò di fantasia anche lo yogurt “dessert” dopo la pasta non sarebbe tanto male…
Scrivo subito un altro post in riferimento al latte.
Grazie per la profondità e la passione de “La Somma e il Totale”!

Premetto che la mia colazione è a base di orzo diluito in acqua calda (un bicchiere da 180 ml circa), seguito da un frutto e poi del muesli ma senza frutta secca + un cucchiaino di miele, lo spuntino è a base di yogurt, mentre in quello pomeridiano -poiché sono spesso a casa- prevedo il latte.
La bevanda vegetale all’avena l’ho gustata molto (di solito scelgo quella che contiene un’alga marina “fonte naturale di calcio”), mi son detta che alternare lo yogurt del mattino con un bicchiere da 200 ml di questa bevanda al pomeriggio potrebbe essere piacevole.
Pochi minuti fa, ad esempio, ho fatto uno spuntino del genere, aggiungendo 25 g di pane; ieri pomeriggio ho fatto la stessa cosa e mi sono trovata bene.
Ho un’ultima curiosità da sottoporLe: perché “la combinazione delle tessere” prevede una sola volta l’utilizzo della pasta, o del riso o di altro cereale che non sia il pane?
Personalmente, gusto moltissimo di sera i cereali in chicco come primo piatto (oltre al riso, il bulgur ma anche il cous-cous), che mi garantiscono una maggiore soddisfazione rispetto al pane, oltre che un diverso senso di sazietà.
Saluti

Un eccellente medico con lei nn mai fatto fatica a fare una buona dieta saziante e nutriente ora seguo i suoi consigli..vorrei sapere se nn ha un un’ambulatorio. Distinti saluti

Rispondi a Maria Giovanna Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.